• Kate Bray

Shakespeare - from England to Italy: work in progress

Born in Stratford-upon-Avon, a small market town in Warwickshire, England, William Shakespeare wrote at least 37 plays, 54 sonnets and several poems. Impressively, a third of his plays are set totally or partly in Italy, whilst still others include Italian characters and references to Italy.

My interest in the work of Shakespeare and his English roots and Luigi’s Italian blood gave rise to the idea of a drawing exploring these two aspects: the places associated with what we know of his life in England and his love of Italy represented in many of his plays. The drawing will illustrate this by means of places associated with his life and scenes and some verses from his ‘Italian’ plays.

You may ask why was Shakespeare so interested in Italy? Where did his knowledge come from? Many of our drawings require a bit of research and reading around the subject is essential to get a general feel for how the drawing might look, so the following summary gives you some clues to what will be in the finished drawing.

Italy had gained a reputation in Elizabethan and Jacobean England from a variety of sources - travel, trade and literature being particularly important fonts of knowledge. It was known as a land of warring city states, each with its own character, populated by charismatic, passionate and devious Italians! What better a back-drop could there be for staging the drama of warring factions, courtly intrigue and love – the subjects of so many of Shakespeare’s plays? Italy, therefore, held all the ingredients for a box-office hit at theatres such as the Globe in London. Some say that Shakespeare travelled to Italy during his ‘lost years’ between the mid-1580s and early 1590s, when no records have yet come to light of his movements. However, this seems unlikely as only merchants or the very rich had the means to travel. ‘The Grand Tour’ through France and Italy - a kind of Elizabethan ‘gap year’, was yet to gain popularity outside the elite classes. However, the writings of some of those who did travel were published and available to Shakespeare. In ’As You Like It’, for example, Rosalind assumes of Jaques, who has the ‘humorous sadness’ of a traveller, ‘you have swam in a gondola’ (Act 4,1). Shakespeare may have also known Italians living in London, such as John Florio, Italian tutor to his patron, the Earl of Southampton.

Many of the educated classes in England knew the Italian language, though we don’t know if Shakespeare did. He had, however, access to many translated works of Italian literature and borrowed from many in the writing of his plays and sonnets. Elizabethan poetry was strongly influenced by the Italian ‘sonetto’ or sonnet, introduced in England in 1550s, where it imitated the poetry of the Italian Francesco Petrarca (‘Petrarch’ in English – who was, incidentally born in Luigi’s home town of Arezzo!). Shakespeare even mentions Petrarch in ‘Romeo and Juliet’, comparing Rosaline to Petrarch’s Laura.

The Italian poetic language of love became very popular and Shakespeare used it widely. Translations of Italian sources became a rich source of ideas, for example, in ‘The Taming of the Shrew’, the narrative of Bianca and her suitors originates from Ariosto’s ’Suppositi’, whilst the principal story of ‘Romeo and Juliet’ comes from Luigi da Porto’s ‘Istoria…di due nobili Amanti’ (C.1530). In other plays, though not set in Italy, there are Italian characters: in ‘The Tempest’ we meet Prospero, the former Duke of Milan and Alonso, King of Naples. Passing references to Italian culture are also common, such as in ‘The Winter’s Tale’, where the amazingly life-like statue Hermione was made by ‘the rare Italian master, Julio Romano.’ (Act 5,2). There are several uses of the tradition of Carnival and the masked ball for scenes of mistaken identity, as in ‘Much Ado about Nothing’, which is set in Messina, Sicily.

Four cities stand out as the back-drop for a number of plays: Rome, Venice, Verona and Padua. Several of Shakespeare’s plays have ancient Rome as a back-drop, principally ‘Antony and Cleopatra’, ‘Julius Caesar’, ‘Coriolanus’ and ‘Titus Andronicus’. Shakespeare has Caesar murdered on the steps of the Roman senate, with Brutus, later justifying the murder with the line ‘not that I loved Caesar less, but I loved Rome more.’ (Act 3,2)

Venice, on the other hand, was a world trade centre and a place of mixed race, intrigue and sophistication. Characters such as Shylock, the Jewish money lender from ‘The Merchant of Venice’ and Othello the Moor from ‘Othello’, would have immediately sparked the interest of playgoers back in England. The Rialto bridge, which had been re-opened in 1591 after being rebuilt in stone, was renowned as a great wonder. Shakespeare portrays it as the centre of business and gossip, as immortalized by Shylock’s demand: ‘Now, what news on the Rialto?’ (Act 3,1). The back-drop of the Jewish ghetto would have intrigued the English playgoer, as Jews in England had been expelled or lived undercover since the late thirteenth century.

Then of course, there is Verona, where millions of tourists flock each year to follow in the footsteps, albeit of dubious origin (the balcony for example), of the world famous lovers Romeo and Juliet. The feud between the Montagues and Capulets, borrowed by Shakespeare from Italian sources, captures our attention from the prologue: ’Two households, both alike in dignity /( In fair Verona, where we lay our scene) / From ancient grudge breaks to new mutiny / Where civil blood makes civil hearts unclean’ (Act 1, Prologue).

Not far from Verona, Shakespeare moves to Padua, describing the city in ‘The Taming of the Shrew’ as the ‘fair Padua, nursery of arts’ (Act 1,1). An apt description for a city famous for its university and medical school.

These are just a few examples of Shakespeare’s Italian connections which we plan to weave into our drawing. But what of his English roots? This will be illustrated in the left half of the drawing – which as you know, measures 100 x 70cm, so there is some space to work with!

Stratford-upon-Avon, in Warwickshire, England, has become a tourist attraction due to it being the place where Shakespeare was born, married, saw the birth of his children, where he lived off and on and probably wrote some of his works and was finally buried. The surviving records do not give us any great details of his life. We know he was born on or around April 23rd 1564. His father, John, was a glove-maker and he and his wife, Mary Arden, lived in their Henley Street property which still stands today. John went on to become mayor and would have had the means to send William to the local grammar, King’s New School, where he would have learnt Latin and studied the classics. Shakespeare met Anne Hathaway, whose home can be visited in nearby Shottery (Fig.1) and married her when he was 18 and she 26 - and pregnant. They had three children, Susanna, Hamnet (who died at 11) and Judith.

Fig.1

At some point, Shakespeare went to London (Fig.2 - old London Bridge over the Thames) and his career as actor and playwright began in earnest when he joined the company of 'The Lord Chamberlain's Men'.

Fig.2

The Blackfriars and the Theatre, now lost, saw productions of his earlier plays and after a dispute over the use of the latter in Shoreditch, it was taken down overnight and the oak frame re-erected as the Globe theatre, which opened in 1599 (Fig.3). This was the stage for many plays until it was burnt down in 1619 during a production of Henry VIII, when sparks from a cannon set fire to the thatch. Excavations of lost theatres and old illustrations have given archaeologists clues as to how these theatres looked and functioned, as exemplified by the reconstructed Globe theatre on the banks of the Thames.


Fig.3

During the years of the Globe theatre, Shakespeare became wealthy enough to buy New Place, the largest house in Stratford-upon-Avon, unfortunately later demolished, but to be reproduced from archaeological evidence in our drawing.

Later, during the reign of King James I, the company, now known as ‘The King’s Men’ after their patron, a new and more intimate theatre was built in London and has recently been reconstructed near the Globe by the late Sam Wanamaker, founder of the Shakespeare Globe Trust. This Playhouse was a small, enclosed, intimate space, lit by beeswax candles, as it is for productions today. The Globe and the Playhouse will form the centre piece of the drawing, with a scene from a play re-enacted below. This, along with a number of verses to be reproduced throughout the drawing, pays homage to the great body of work known and enjoyed around the world, thanks to the publication of the First Folio by fellow playwrights after Shakespeare’s death.

In 1601, Shakespeare inherited his family home in Henley Street, which is open to the public. He was to die aged 52 on 23rd April 1616 and was buried in the Holy Trinity church of his home town – that is if he was not actually born ITALIAN, as some believe!

Whatever the truth of his Italian connections, The Bard loved Italy and Italy has loved him back, with many of his plays regularly performed, with Othello and Romeo and Juliet being amongst the most popular plays. We think this is a story worth drawing - watch this space as it evolves!

8 February 2021

Shakespeare - dall'Inghilterra all'Italia - lavori in corso

Nato a Stratford-upon-Avon, una piccola città mercato nel Warwickshire, in Inghilterra, William Shakespeare ha scritto almeno 37 opere teatrali, 54 sonetti e diverse poesie. Sorprendentemente, un terzo delle sue opere sono ambientate totalmente o parzialmente in Italia, mentre altre ancora includono personaggi italiani e riferimenti all'Italia. Il mio interesse per il lavoro di Shakespeare e le sue radici inglesi e il sangue italiano di Luigi ha dato origine all'idea di un disegno che esplori questi due aspetti: i luoghi associati a ciò che sappiamo della sua vita in Inghilterra e il suo amore per l'Italia rappresentati in molte delle sue opere. Il disegno lo illustrerà attraverso luoghi legati alla sua vita e scene e alcuni versi delle sue commedie "italiane". Vi chiederete perché Shakespeare era così interessato all'Italia o da dove venga la sua dimestichezza sull’argomento. Molti dei nostri disegni richiedono un po' di ricerca e il reperimento delle fonti è essenziale per avere un'idea generale di come potrebbe apparire il disegno finale; quindi abbiamo cercato di racchiudere di seguito qualche indizio su come sarà la nostra ultima opera una volta completata. L'Italia si era guadagnata una reputazione nell'Inghilterra elisabettiana e giacobina da una varietà di fonti: viaggi, commercio e letteratura erano fonti di conoscenza particolarmente importanti. Era conosciuta come una terra di città-stato in guerra, ognuna con il proprio carattere, popolata da italiani carismatici, appassionati e ambigui. Quale miglior materiale potrebbe esserci per mettere in scena il dramma di fazioni in guerra, intrighi di corte e amore - i soggetti di così tante opere di Shakespeare? L'Italia, quindi, aveva tutti gli ingredienti per un grande successo di pubblico in teatri come il Globe di Londra. Alcuni dicono che Shakespeare abbia viaggiato in Italia durante i suoi "anni perduti", cioè tra la metà del 1580 e l'inizio degli 1590, durante i quali non ci sono tracce di documenti sui suoi movimenti. Tuttavia, questo sembra improbabile poiché solo i mercanti o il ceto più abbiente, avevano i mezzi per viaggiare. "Il Grand Tour" attraverso Francia e Italia, una sorta di "anno sabbatico" elisabettiano, doveva ancora guadagnare popolarità al di fuori delle classi d'élite. Tuttavia, gli scritti di coloro che ebbero le possibilità per viaggiare, furono pubblicati e disponibili a Shakespeare. In "Come vi piace", ad esempio, Rosalind si riferisce a Jaques, che ha la "tristezza umoristica" di un viaggiatore, con un "hai nuotato in una gondola" (Atto 4,1). Shakespeare potrebbe aver conosciuto anche italiani che vivevano a Londra, come John Florio, tutore italiano del suo mecenate, il conte di Southampton. Molte delle classi istruite in Inghilterra conoscevano la lingua italiana, anche se non sappiamo se Shakespeare la conoscesse. Aveva, tuttavia, accesso a molte opere tradotte della letteratura italiana e da molte prese in prestito nella scrittura delle sue opere e dei suoi sonetti. La poesia elisabettiana fu fortemente influenzata dal 'sonetto' o sonetto italiano, introdotto in Inghilterra nel 1550, dove imitava la poesia dell'italiano Francesco Petrarca ('Petrarch' in inglese - che era, per inciso, nato ad Arezzo, città natale di Luigi!). Shakespeare menziona persino Petrarca in "Romeo e Giulietta", paragonando Rosaline alla Laura di Petrarca. La lingua poetica italiana dell'amore divenne molto popolare e Shakespeare la usò ampiamente. Le traduzioni di fonti italiane divennero una ricca fonte di idee come ad esempio "La bisbetica domata", il racconto di Bianca e dei suoi corteggiatori proviene dai "Suppositi" dell'Ariosto, mentre la storia principale di "Romeo e Giulietta" viene da Luigi da Porto 'Istoria… di due nobili Amanti' (c.1530). In altre commedie, anche se non ambientate in Italia, ci sono personaggi italiani: in "La tempesta" incontriamo Prospero, l'ex duca di Milano e Alonso, re di Napoli. Anche i riferimenti alla cultura italiana sono comuni, come in "The Winter’s Tale", dove la statua incredibilmente realistica di Hermione è stata realizzata dal "raro maestro italiano Julio Romano" (Atto 5,2). Ci sono diversi usi della tradizione del Carnevale e del ballo in maschera per scene di scambio di identità, come in "Molto rumore per nulla", ambientato a Messina, in Sicilia. Quattro città spiccano come sfondo di numerose commedie: Roma, Venezia, Verona e Padova. Molte delle opere di Shakespeare hanno come sfondo l'antica Roma, principalmente "Antonio e Cleopatra", "Giulio Cesare", "Coriolano" e "Tito Andronico". Shakespeare ha ucciso Cesare sui gradini del senato romano, con Bruto, giustificando in seguito l'omicidio con la frase "non che amassi di meno Cesare, ma ho amato di più Roma". (Atto 3,2) Venezia, d'altra parte, era un centro del commercio mondiale e un luogo di razza mista, intrighi e raffinatezza. Personaggi come Shylock, il prestatore di denaro ebreo di "Il mercante di Venezia" e Otello il Moro di "Otello", avrebbero immediatamente suscitato l'interesse dei frequentatori di teatro in Inghilterra. Il ponte di Rialto, riaperto nel 1591 dopo essere stato ricostruito in pietra, era noto come una grande meraviglia. Shakespeare lo ritrae come il centro degli affari e dei pettegolezzi, immortalato dalla richiesta di Shylock: "Ora, che notizie a Rialto?" (Atto 3,1). Il back-drop del ghetto ebraico avrebbe incuriosito lo spettatore inglese, poiché gli ebrei in Inghilterra erano stati espulsi o vivevano sotto copertura dalla fine del XIII secolo. Poi ovviamente c'è Verona, dove milioni di turisti accorrono ogni anno per seguire le orme, anche se di dubbia provenienza (il balcone per esempio), degli amanti di fama mondiale Romeo e Giulietta. La faida tra Montecchi e Capuleti, presa in prestito da Shakespeare da fonti italiane, cattura la nostra attenzione dal prologo: “Nella bella Verona, dove la scena è collocata, due famiglie di pari dignità, piombano per rancori antichi in una nuova discordia che insozza le mani dei cittagini con il loro stesso sangue." (Atto 1, Prologo). Non lontano da Verona, Shakespeare si trasferisce a Padova, descrivendo la città in "La bisbetica domata" come la "bella Padova, vivaio delle arti" (Atto 1,1). Una descrizione appropriata per una città famosa per la sua università e scuola di medicina. Questi sono solo alcuni esempi delle connessioni italiane di Shakespeare che intendiamo intrecciare nel nostro disegno. Ma che dire delle sue radici inglesi? Questo sarà illustrato nella metà sinistra del disegno, che come sai misura 100 x 70 cm, quindi c'è un po' di spazio per lavorare! Stratford-upon-Avon, nel Warwickshire, è diventata un'attrazione turistica perché è il luogo in cui Shakespeare è nato, si è sposato, ha visto la nascita dei suoi figli, dove ha vissuto di continuo e probabilmente ha scritto alcune delle sue opere ed è stato finalmente sepolto. I documenti sopravvissuti non ci forniscono grandi dettagli sulla sua vita. Sappiamo che nacque intorno al 23 aprile 1564. Suo padre, John, era un fabbricante di guanti e lui e sua moglie, Mary Arden, vivevano nella loro proprietà di Henley Street, che esiste ancora oggi. John divenne sindaco e avrebbe avuto i mezzi per mandare William alla scuola di grammatica locale, la King's New School, dove avrebbe imparato il latino e studiato i classici. Shakespeare incontrò Anne Hathaway, la cui casa può essere visitata nella vicina Shottery (Fig.1) e la sposò quando aveva 18 anni e lei 26 - ed era incinta. Hanno avuto tre figli, Susanna, Hamnet (morta a 11 anni) e Judith. Ad un certo punto, Shakespeare andò a Londra (Fig. 2 - il vecchio ponte di Londra sul Tamigi) e la sua carriera di attore e drammaturgo iniziò sul serio quando si unì alla compagnia di "The Lord Chamberlain's Men". I Blackfriars e il teatro, ora perduti, videro le produzioni delle sue prime opere teatrali e dopo una disputa sull'uso di queste ultime a Shoreditch, fu smontato dall'oggi al domani e la struttura di quercia fu ricostruita come il teatro Globe, che fu aperto nel 1599 (Fig.3). Questo è stato il palcoscenico di molte opere teatrali fino a quando non fu bruciato nel 1619 durante una produzione di Enrico VIII, quando le scintille di un cannone incendiarono il tetto di paglia. Gli scavi di teatri perduti e vecchie illustrazioni hanno fornito agli archeologi indizi su come questi teatri apparivano e funzionavano, come esemplificato dal Globe Theatre ricostruito sulle rive del Tamigi. Durante gli anni del Globe Theatre, Shakespeare divenne abbastanza ricco da acquistare New Place, la casa più grande di Stratford-upon-Avon, sfortunatamente in seguito demolita, ma per essere riprodotta dalle prove archeologiche nel nostro disegno. Successivamente, durante il regno di Re Giacomo I, la compagnia, ora conosciuta come 'The King's Men' dal nome del loro mecenate, un nuovo e più intimo teatro fu costruito a Londra ed è stato recentemente ricostruito vicino al Globe dal compianto Sam Wanamaker, fondatore dello Shakespeare Globe Trust. Questa Playhouse era uno spazio piccolo, chiuso, intimo, illuminato da candele di cera d'api, come lo è oggi per le produzioni. Il Globe e la Playhouse formeranno il pezzo centrale del disegno, con una scena di un'opera teatrale rievocata di seguito. Questo, insieme a una serie di versi da riprodurre in tutto il disegno, rende omaggio al grande corpus di opere conosciute e apprezzate in tutto il mondo, grazie alla pubblicazione del First Folio di colleghi drammaturghi dopo la morte di Shakespeare. Nel 1601 Shakespeare ereditò la casa della sua famiglia in Henley Street, aperta al pubblico. Morì all'età di 52 anni il 23 aprile 1616 e fu sepolto nella chiesa della Santissima Trinità della sua città natale - se non fosse realmente nato ITALIANO, come alcuni credono! Qualunque sia la verità delle sue connessioni italiane, il Bardo amava l'Italia e l'Italia lo ha ricambiato, eseguendo regolarmente molte delle sue opere, con Otello e Romeo e Giulietta tra le opere più popolari. Pensiamo che questa sia una storia che vale la pena disegnare: guarda questo spazio mentre si evolve!

8 febbraio 2021


Recent Posts

See All

©2021 - Luigi & Kate Agnelli

  • Facebook
  • YouTube
  • Instagram